logorestop

Calendario

Se videogioco si traduce in qualità della vita

Se videogioco si traduce in qualità della vita

Cinecittà

Le definizioni più comuni di videogame mettono in relazione la dimensione del gioco e il supporto tecnologico che ne permette lo svolgimento. L’attivazione del sistema di interazione «interfaccia – macchina – cervello» può produrre, tuttavia, effetti concreti sulla qualità della vita e sull’apprendimento, anche oltre il divertimento. Sessioni di videogioco per il trattamento dell’autismo, realtà aumentata per i malati di depressione o per i paraplegici, videogiochi e simulatori 3D per bambini portatori di disabilità o che attraversano percorsi di cura lunghi e dolorosi sono solo alcune dimostrazioni del valore sociale dell’universo videoludico. Ma anche prevenzione attraverso l'edutainment,  per favorire consapevolezza e motivazione a stili di vita più salutari, promozione educazione alimentare a scuola, attività fisica.

Intervengono:  Francesco Gesualdo – Ospedale Bambino Gesù unità di Innovazione e Percorsi Clinici, Alberto Sanna – Direttore Centro di Ricerca Tecnologie Avanzate per la Vita e la Salute – Ospedale San Raffaele, Domiziana Suprani – Producer Studio Evil, Annalisa De Luca - Responsabile Digital Trasformation CONI

 || Modera: Francesco Marino - Consulente di strategie digitali

ORARI

Sabato 5 maggio dalle 10:30 alle 11:30 in Sala Fellini

 

Torna al Calendario