Legenda Programma

Image
Image
Image
Image
<font color= #174195> We, the Food, the Planet. Cibo alimentazione e sostenibilità</font>

We, the Food, the Planet. Cibo alimentazione e sostenibilità

A cura di Serena Massari Fondazione Barilla

A livello globale, il 70% degli under 18 crede che i cambiamenti climatici siano un'emergenza da affrontare, eppure ancora pochi conoscono il nesso che collega la produzione di cibo al clima.Per questo Fondazione Barilla ha lanciato il videogioco educativo, disponibile in lingua italiana ed inglese, nato per introdurre concetti fondamentali su cibo, alimentazione e sostenibilità.Tra le funzioni offerte dal gioco didattico c’è la possibilità di misurare l’impatto dei proprio comportamenti alimentari e di chattare direttamente con il Pianeta.  Dopo una prima fase di utilizzo del “tool interattivo e digitale”,  si passerà ad una modalità di lavoro in presenza, collaborativa e di gruppo, basata sul roleplaying. Il gioco dei ruoli può essere considerato come una rappresentazione teatrale in cui ciascun membro del gruppo impersona un determinato ruolo. Il significato del role playing è quello di attivare processi e dinamiche empatiche e di trovarsi in situazioni simili a quelle che si verificano quotidianamente. Inoltre partecipando ai giochi di ruolo gli studenti imparano a stare in gruppo, ad osservare gli altri in profondità, confrontando le proprie priorità con quelle degli altri e individuando strategie di interazione sempre nuove e diverse.Gli studenti sono al tempo stesso protagonisti della situazione scenica e osservatori. Fasi del workshop:

A)Si parte dall’uso individuale della chat col Pianeta e altri strumenti digitali. Lasciamo i ragazzi liberi di esplorare e di giocare. Possono accedere anche al nostro materiale digitale e guardare i video sia in lingua inglese che italiana;

B)Poi vengono creati “ fisicamente” 3 o 4  gruppi di lavoro ( ispirati dallo Youth Manifesto). In ogni gruppo, i ragazzi personificheranno: Un educatore; Un policy maker/politico; Un manager/industria;Un produttore/agricoltore; Uno scienziato;Un giornalista; Un attivista ;C)Il trainer introduce un problema con pochi cenni di carattere generale.

D)Poi si chiede ai singoli gruppi di lavorare in maniera collaborativa per riflettere e trovare soluzioni. Viene fornito un canvas di dibattito e confronto (fornito da BCFN ) e i partecipanti  dovranno trovare soluzioni che tengano conto delle priorità di tutti. Ma che soprattutto abbiano come obiettivo finale, l’ideale di ONE HEALTH.

C)Il workshop si conclude con la “restituzione” delle idee da parte dei 3-4 gruppi e la discussione di queste in maniera critica e transdisciplinare.

Il link al trailer videogame:

https://www.youtube.com/watch?v=wVq1kQyq9ks

La Fondazione Barilla è il centro di pensiero multidisciplinare e indipendente che lavora sulla sostenibilità alimentare. Attraverso lo studio degli attuali sistemi agro-alimentari, la Fondazione Barilla promuove uno stile di vita più sano e sostenibile, in linea con il raggiungimento degli Obiettivi sanciti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite (SDG).

In questo scenario, la Fondazione Barilla fornisce raccomandazioni ai decisori grazie a molteplici iniziative pubbliche e dialoga con gli stakeholder con studi multidisciplinari connessi al cibo, mettendo in luce buone pratiche; si rivolge alle nuove generazioni sviluppando strumenti educativi; e parla alle persone per ispirare scelte alimentari quotidiane consapevoli.

Target: 14-18 anni (scuole superiori secondo grado)

Durata: 90’

Data: 5 novembre h10.00

Aula Sonic

1 67 71 72 73 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189